Kamala Harris, la dea dei sogni

La nuova vice-presidente degli Stati Uniti ha scritto anche un libro interattivo per bambini sui "supereroi di ogni giorno"

Kamala Harris

Kamala Harris

globalist 20 gennaio 2021
di Erika Suban

Gli americani non vogliono smettere di sognare. I sogni infranti di quelli che volevano l’America del passato, quella dei capellini MAGA che era tanto “great”, sono ora stati sostituiti dalla forza “Fearless” (senza paura) di Kamala Harris.
La prima donna nera procuratore generale in California diventa ora la prima donna vice presidente degli Stati Uniti, la prima nera (di padre), la prima indiana (di madre), la prima moglie di un ebreo divorziato con due figli che la chiamano Momala. Ora che i democratici al Senato hanno ottenuto cinquanta seggi come i repubblicani grazie alle elezioni in Georgia, Kamala Harris sarà anche l’ago della bilancia capace di dare il voto decisivo per far passare o meno certe leggi. 
Kamala è indubbiamente un simbolo potente di tutto ciò che le donne di tutto il mondo aspirano ad essere, o dovrebbero aspirare ad essere secondo la sempre molto ambiziosa cultura statunitense. Melania Trump ci aveva provato con il suo slogan sgrammaticato “Be best”, ma Kamala è riuscita a riassumerlo sapientemente durante il suo primo discorso da vincente a novembre: “Ogni bambina che ci guarda stasera vede che questo è un paese di possibilità” e “Anche se sono la prima donna in questo ufficio, non sarò l'ultima”.
Generazioni di donne, donne nere, asiatiche, bianche, latine e native americane, hanno aperto la strada per Kamala nel corso della storia di questa nazione, ma per tutte loro vederla salire sul podio è una fonte di orgoglio, e per le bambine che devono ancora trovare la loro strada nel mondo sicuramente una fonte di ispirazione. Le magliette “La nostra vice presidente mi assomiglia” sono andate a ruba. Con un nome che significa "loto" ed è un altro nome per Lakshmi, la dea indù della ricchezza, fortuna, amore, bellezza, gioia e prosperità, non ci si poteva aspettare niente di meno.
Anna Wintour l’ha messa sulla copertina di Vogue di febbraio e ha scelto di farle indossare le sue tante amate scarpe da ginnastica Converse. Ne ha un’intera collezione. Alcuni hanno storto il naso, la volevano vedere trasformata in una modella, ma Anna Wintour ha spiegato di avere scelto quella foto perché ritiene che prevede che “l'uniforme (di Harris) con le sue scarpe da ginnastica Converse creerà una tendenza per tutte le giovani donne di tutto il mondo”. Secondo lei si vestiranno in tante come Kamala Harris.
Kamala Harris non ha avuto figli, ma alle nuove generazioni ci pensa eccome. Ha aiutato la sorella Maya a crescere la nipote Meena e ha scritto un libro per bambini intitolato “Superheroes Are Everywhere” (i supereroi sono ovunque). Si tratta di un libro interattivo che mostra come le persone che vediamo ogni giorno e membri della nostra famiglia possano essere tutti degli eroi a modo loro.
La sera prima dell’inaugurazione ufficiale del 20 gennaio, in piedi di fronte alla piscina del Lincoln Memorial, con i suoi bordi illuminati da 400 luci, ognuna a rappresentare 1.000 vite perse per il Covid, Joe Biden e Kamala Harris, accompagnati dai loro consorti Jill Biden e Doug Emhoff, offrono un’immagine di conforto a cui non eravamo più abituati da tempo. "Per guarire, dobbiamo ricordare", ha detto Biden durante l’evento. "A volte è difficile da ricordare, ma è così che guariamo. È importante farlo come nazione”.
A New York City, la cima dell'Empire State Building è stata illuminata di rosso, come un cuore che batte al suono di 'Empire State of Mind" di Alicia Keys. in tutto il paese, nelle comunità grandi e piccole, le campane delle chiese hanno suonato per ricordare i morti. Nonni, mariti, mogli, amici, che sono scomparsi senza un ultimo saluto, e che forse ancora non ci rendiamo conto di avere perso. "Anche se possiamo essere fisicamente separati, noi, il popolo americano, siamo uniti nello spirito e la mia costante speranza, la mia costante preghiera, è che emergiamo da questa prova con una nuova saggezza. E apprezzare i momenti più semplici, immaginare nuove possibilità e aprire i nostri cuori solo un po’ di più gli uni agli altri “ ha aggiunto Kamala Harris.
A lei sono già in molte ad avere aperto il cuore, a giudicare anche solo dai gruppi Facebook che si sono preparati a celebrare l’inaugurazione del nuovo presidente, e soprattutto della vice presidente, indossando i suoi accessori preferiti: scarpe di ginnastica e perle. Il gruppo Chucks and Pearls Day, January 20th, 2021 ha oltre 80 mila membri e il gruppo “Wear Pearls on Jan 20th, 2021” ha oltre 440 mila membri, che vanno dai 13 ai 100 anni.