Washington come Baghdad: per il timore di fascisti e suprematisti città blindata per l'Inauguration day

Un giorno che avrebbe dovuto essere di festa, nonostante il dolore per le vittime del Covid-19 dopo l’assalto al Campidoglio, si è trasformato nel Giorno della paura. Paura di nuovi scontri armati

Suprematisti bianchi in America

Suprematisti bianchi in America

globalist 18 gennaio 2021
Una capitale blindata si prepara all’Inauguration Day. Un giorno che avrebbe dovuto essere di festa, nonostante il dolore per le vittime del Covid-19, e che invece, dopo l’assalto al Campidoglio, si è trasformato nel Giorno della paura. Paura di nuovi scontri armati provocati dai fanatici miliziani dell’”Hitler” della Casa Bianca.

Washington come Baghdad: filo spinato, agenti della Guardia Nazionale, 25mila ne sono stati mobilitati, in assetto di guerra che circondano Capitol Hill


Ma gli esperti temono che la vera minaccia possa essere quella che l'attacco scatenerà a lungo termine.


"Le trame di domani si stanno letteralmente schiudendo in questo momento", ha detto alla Cnn Oren Segal, vice presidente del Centro sull'estremismo della Anti-Defamation League.


La terrificante portata dell'attacco al Campidoglio sta diventando più chiara man mano che Washington si blocca per la cerimonia di investitura di Joe Biden a 46mo presidente degli Stati Uniti d’America.


Gli esperti dell’Fbi e quanti monitorano la galassia neonazista e delwhite power sono preoccupati del fatto che il numero di estremisti potenzialmente violenti sia in crescita. I giganti dei social media hanno messo al bando il presidente Donald Trump e altri per il timore che i loro post continuino a scatenare la violenza, il che, secondo gli esperti, ha portato alla crescita di un pubblico sempre più comprensivo e crescente verso la radicalizzazione.


Alcuni che avevano comunicato via Facebook, Twitter o anche Parler sono ora su altre piattaforme. Tra queste c'è Telegram, dove gli estremisti della supremazia bianca esistono da anni e hanno sprigionato odio in canali in gran parte non moderati fino a pochi giorni fa.


Su molti di questi canali, ci sono frequenti elogi per gli assassinii di massa, istruzioni tattiche per azioni di guerriglia, contenuti xenofobi e antisemiti. "I nostri moderatori stanno esaminando un numero crescente di segnalazioni relative a messaggi pubblici con appelli alla violenza, che sono espressamente proibiti dai nostri Termini di servizio", ha dichiarato mercoledì il portavoce del Telegram Remi Vaughn alla Cnn in una dichiarazione. Vaughn ha aggiunto: "Accogliamo con favore la discussione pacifica e le proteste pacifiche, ma rimuovendo di routine i contenuti pubblicamente disponibili che contengono chiamate dirette alla violenza". Segal definisce l'attacco al Campidoglio un evento “epocale”, in negativo, che avrà un grande impatto, anche più dei catalizzatori storici del Paese per le mobilitazioni anti-governative.


"Non è Waco, non è Ruby Ridge, questo è più grande di quello", spiega Segal confrontando il 6 gennaio con gli eventi passati che hanno scatenato incitamenti all'azione violenta e ispirato una più profonda sfiducia e a volte odio contro il governo. "Questa roba ha un impatto su più persone".


Nelle chat pubbliche e private ci sono messaggi comuni sul complotto per "riprendersi l'America" o sul raduno contro la presunta censura, secondo Angelo Carusone, presidente e amministratore delegato di Media Matters for America. Carusone e il suo team hanno seguito le tracce del linguaggio estremista e hanno pubblicato messaggi in una varietà di piattaforme mediatiche tradizionali come Twitter e Facebook a un'ondata di attività su Parler, e poi un'ondata di attività secondaria su piattaforme come Telegram, quando questi gruppi intermedi hanno iniziato a creare ridondanza nelle loro comunicazioni. E questo significava sangue fresco", avverte Carusone.


I suprematisti “occupano” la rete


Gli spazi online marginali vedono ora figure di estrema destra, suprematisti bianchi pieni di odio e razzisti che hanno chiesto a gran voce la guerra civile mescolarsi ai cospiratori di QAnon e agli ardenti sostenitori del presidente Trump che lo ascoltano da anni e credono che le elezioni siano state loro rubate. E molti stanno cercando di capire cosa fare dopo e come veicolare i propri messaggi.


In una chat neonazista, un membro ha esortato alla moderazione linguistica per evitare di alienare i nuovi arrivati, rimarca Carusone.


Gli spazi online marginali vedono ora figure di estrema destra, suprematisti bianchi pieni di odio e razzisti che hanno chiesto a gran voce la guerra civile mescolarsi ai cospiratori di QAnon e agli ardenti sostenitori del presidente Trump che lo ascoltano da anni e credono che le elezioni siano state loro rubate. E molti stanno cercando di capire cosa fare dopo - e come creare i loro messaggi.


In una chiacchierata neonazista, un membro ha esortato alla moderazione linguistica per evitare di alienare i nuovi arrivati, ha detto Carusone. L'Fbi ha affermato in una dichiarazione alla Cnn che, sebbene alcuni dei contenuti possano essere inquietanti, le autorità non possono intervenire da sole.


"L'Fbi non può aprire un'indagine senza una minaccia di violenza o di presunta attività criminale. Tuttavia, quando questo linguaggio si trasforma in una richiesta di violenza o di attività criminale, l'Fbi è in grado di intraprendere un'attività investigativa", ha detto l'agenzia.


Gli investigatori potrebbero dover affrontare un compito più difficile per trovare alcune persone che sono state rimosse dalle piattaforme più grandi.


"E' sempre più importante sapere dove stanno andando, soprattutto se si stanno muovendo sempre di più dietro il velo", ha detto Carusone. "Se si perde del tutto traccia di loro, si perde quella pipeline di informazioni, si perde la capacità di identificare quegli indicatori, il che significa che è più difficile prevenire i danni". "In realtà sono i meccanismi che stanno radicalizzando questi individui", dice Carusone. "Sono gli algoritmi che aiutano a connettere le persone. E' la disinformazione".


Nessuna delle proteste di questo fine settimana o all'inaugurazione sarà caratterizzata da un vero e proprio rally di Trump. Gli esperti dicono che è un buon segno, insieme alla maggiore presenza delle forze dell'ordine a Washington.


In molte applicazioni di messaggistica e forum, alcuni chiedono un boicottaggio degli eventi di questo fine settimana e dell'inaugurazione. Michael Edison Hayden, il giornalista investigativo senior e portavoce del Southern Poverty Law Center, dice che i nomi di alto profilo e i podcaster Mike Peinovich e Nick Fuentes hanno detto ai loro seguaci di non andare ai raduni. L'Adl dice che il suprematista bianco Peinovich, conosciuto come Mike Enoch, e l'estrema destra Fuentes hanno raccolto voci di malcontento per anni.


Le autorità federali stanno anche seguendo le tracce di decine di persone che pongono potenziali preoccupazioni di violenza che potrebbero venire a Washington per gli eventi intorno all'Inaugurazione, secondo una fonte informata su informazioni condivise tra le forze dell'ordine federali e locali.


Gli esperti temono che alcune persone si concentrino nelle capitali del loro Stato per esprimere la loro rabbia. Hayden dice che sono state pubblicate online le coordinate e le mappe delle sedi statali. L'Fbi ha ricevuto informazioni che indicano che "proteste armate" sono in programma in tutte le 50 capitali statali nei giorni precedenti l'inaugurazione, secondo un report interno ottenuto dalla Cnn all'inizio di questa settimana.


Cosa potrebbe succedere dopo


Segal ha detto che gli estremisti potrebbero muoversi con cautela nei prossimi giorni, sia per paranoia che per la consapevolezza di essere osservati.


"Non è prima dell'inaugurazione che dobbiamo preoccuparci che cerchino di scatenare un'altra guerra civile - è dopo", ha detto Segal alla Cnn.


Segal ha aggiunto che è utile guardare alle proteste suprematiste in Michigan la scorsa primavera, quando si pensa a come potrebbero svolgersi le cose dopo l'attacco al Campidoglio. saranno di più".


Gli esperti di estremismo sono d'accordo su diversi punti sul come si sia arrivati a questo punto e gli inquietanti scenari che si aprono per un futuro che si fa già presente.  L'America è nel bel mezzo di una sorta di radicalizzazione di massa. L'incendiario non è stato Trump, dicono, ma l’ormai ex presidente ha semplicemente gettato benzina sulle fiamme.


Secondo Carusone questo è solo l'inizio di un paese che si sta dirigendo "verso il buzzsaw" (sega circolare) a causa delle divisioni, delle azioni estremiste e della retorica politica.


"Trump ha segnato la narrazione per i prossimi quattro anni", spiega Segal.


Gli esperti si preoccupano del falso senso di sicurezza che emergerà se il Paese riuscirà a superare l'inaugurazione senza violenza. Ma cosa succederà quando le barricate cadono? Quando le truppe della Guardia Nazionale se ne andranno? Quando le piattaforme tecnologiche, il pubblico in generale e i media rivolgeranno la loro attenzione ad altre questioni?


La minaccia rimarrà, dicono gli esperti.


"Tutte queste nuove persone che vengono portate in queste comunità creano nuove opportunità per espandere i ranghi", ha detto Carusone. "Ci saranno molte nuove persone... organizzate ed esposte a una serie di prescrizioni che alla fine ci riporteranno nello stesso posto... che ha portato all'attacco in Campidoglio". Stavolta, però, saranno di più".


“Sono diventato un bersaglio”.


Mike Signer è stato sindaco di Charlottesville dal 2016 al 2018. Il suo libro "Cry Havoc: Charlottesville e la democrazia americana sotto assedio" è uscito l'anno scorso. Era sindaco, Mike Signer quel 12 agosto 2017, un giorno che cambiò la sua vita e quella della città della Virginia, e non solo. A scendere in piazza per primi , erano stati i cosiddetti suprematisti bianchi, un gruppo di estrema destra dichiaratamente razzista e armato che al grido di “white lives matter” che protestava contro la rimozione della statua del generale Robert Lee, eroe dei sudisti ai tempi della Guerra Civile americana. Contemporaneamente, sempre a Charlottesville, andava in scena una contro-manifestazione antirazzista e a nulla è valsa la presenza di un migliaio di agenti a formare una sorta di cordone umano per evitare che i due cortei venissero a contatto


La tragedia si è configurata quando una vettura si è schiantata contro il corteo antirazzista, provocando diversi feriti e la morte di una ragazza, Heather Heyer, di 32 anni. Alla guida del mezzo c’era un ventenne, James Alex Fields Junior, che è stato arrestato: un atto premeditato, secondo la polizia locale, proprio per portare lo scompiglio tra i manifestanti. Fields Junior è un militante neonazista. Tra i primi a dare la triste notizia era stato Mike Signer, invitando alla calma: “Ho il cuore spezzato, una vita è andata persa. Chiedo alle persone di buona volontà di andare a casa”.


Ma anche una volta sciolte le manifestazioni, la tensione è rimasta altissima, almeno sotto forma di polemica verbale. La stampa e l’opinione pubblica americana più illuminata hanno rimarcato come da parte del presidente Usa Donald Trump non siano arrivate parole più forti di una generica “condanna di ogni tipo di violenza”, e sulle pagine del Wall Street Journal  il premio Pulitzer Colbert King è arrivato a scrivere, rivolgendosi direttamente a Trump: “La gente che manifesta a Charlottesville è la tua gente, parla la tua lingua e vomita i tuoi sentimenti. Non far finta di non conoscerli. Uno di loro ha raggiunto la Casa Bianca”. 


Racconta Singer: “Per me è stata un'esperienza surreale, perché stavamo guardando mentre i messaggi violenti sui social media si intensificavano. C'era una gara tra i gruppi dell’ultradestra per creare meme sempre più contagiosi e sempre più violenti, che utilizzavano l'iconografia nazista, che stavano galvanizzando migliaia di persone in tutto il paese per venire a Charlottesville il 12 agosto e difendere la causa del nazionalismo bianco.  Non c'era nessuno a Charlottesville al raduno di Unite the Right che fosse lì solo per la causa dell'orgoglio neoconfederato e della storia della Guerra Civile del sud. Si erano radunati l per la causa dei gruppi paramilitari tribali bianchi, usando quei simboli per gridare che c"gli ebrei non ci sostituiranno", e "la Russia è nostra amica", utilizzando simboli apertamente razzisti.  Non ero solito far riferimento pubblicamente al mio essere ebreo, non era parte del mio messaggio.  Ma all'improvviso, l’essere ebreo è  diventato per quella gente un marchio d’infamia pubblico e io sono diventato un bersaglio, ed è stata una cosa con cui fare i conti. Pensavo che fosse davvero importante, e lo è ancora, non farsi intimidire e rivendicare la mia identità come un elemento inclusivo in un’America plurale. Lo scopo del terrorismo – conclude Singer – non è solo quello di uccidere, di seminare morte. L’obiettivo principale è quello di terrorizzare, di ridurci al silenzio. Non ci riusciranno”.